ALTERNANZA SCUOLA LAVORO CNA GALLURA:

RAGAZZI, INNAMORATEVI DELLE AZIENDE DEL NOSTRO TERRITORIO

Si è concluso a fine novembre il percorso di Alternanza Scuola Lavoro “Digital Storytelling: Racconta il tuo territorio attraverso gli antichi mestieri”, ideato e coordinato dall’Associazione Territoriale CNA Gallura in collaborazione con il Liceo Artistico Fabrizio De Andrè di Olbia. I protagonisti del progetto sono stati 12 ragazzi della classe 4° A del Liceo Artistico Fabrizio De André di Olbia, che durante le 70 ore previste hanno appreso le tecniche del Digital Storytelling, raccontando alcune aziende e il nostro territorio con un fine promozionale.

Durante la prima parte del progetto, gli studenti hanno imparato lo Storytelling, con la storyteller Luana Scanu, le tecniche fotografiche con il fotografo Giacomo Altamira e videomaking con il videomaker Alessandro Graffi.

Sei giorni di formazione e lavoro sul campo, presso la sala polivalente di CNA Gallura e immergendosi negli ambienti aziendali, durante i quali i ragazzi hanno imparato a utilizzare gli strumenti delle tre discipline, col fine di raccontare una realtà aziendale e un territorio.

I ragazzi si sono lasciati affascinare, intervistando il titolare e i suoi collaboratori, scattando foto e girando video, da 4 aziende artigiane che hanno come caratteristica principale il recupero di un antico mestiere: Artigianato Pasella e Ambrosini Lavorazione Metalli a Calangianus e Calzoleria Budroni e Falegnameria Milesi a Olbia.  Il risultato è stato l’elaborazione di un articolo che racconta la storia aziendale, venti foto e un video che mostrano le fasi della lavorazione dei prodotti. Tutto il materiale è stato pubblicato sul sito di CNA Gallura, ed è visibile all’indirizzo www.cnagallura.it.

Marina Deledda, direttore di CNA Gallura: “Apprezziamo moltissimo la sensibilità degli istituti superiori che accolgono le nostre proposte di integrazione degli studenti nel mondo del lavoro, con progetti di alternanza scuola lavoro “originali e alternativi”. Ci impegniamo costantemente a trovare il modo di scoprire, motivare e stimolare i talenti del nostro territorio per accompagnarli a valorizzare i loro sogni e a formarsi per diventare imprenditori o facilitatori all’interno delle aziende. Da sempre riteniamo che sia necessaria un’evoluzione nel concetto di lavoratore dipendente che deve essere considerato un facilitatore del lavoro dell’imprenditore e un apportatore di innovazione e di strumenti di valorizzazione per le aziende stesse. La soddisfazione più grande in questi progetti è mettere in connessione mondi apparentemente separati e vedere l’entusiasmo dei ragazzi e delle aziende che insieme producono un grandissimo valore per il nostro territorio”.